Spesso ci si aspetta troppo da una diminuzione. In effetti la salute ci guadagna poco:

 

  • è soprattutto la durata nel tempo del consumo di sigarette che aumenta il rischio di malattie provocate dai tabacchi; chi per anni ha fumato ogni giorno, non riscontra pressoché un miglioramento del suo stato di salute riducendo a lungo andare il numero delle sigarette;
  • inoltre il bisogno di assumere una quantità sufficiente di nicotina induce sì ad accendere meno sigarette, ma ad aspirarle con più forza, per cui la quantità del fumo di tabacco nocivo diminuisce appena. Perfino con l'assunzione aggiuntiva di medicinali a base di nicotina sono incerti i vantaggi per la salute.

Per questi motivi gli esperti svizzeri consigliano di ridurre solo in casi particolari:

  • per persone fortemente dipendenti dalla nicotina che hanno già alle spalle diversi tentativi falliti di smettere (6 o più punti nel test di dipendenza),
  • per persone con gravi malattie causate dal tabacco, come la malattia polmonare cronica ostruttiva COPD.

 

Fonte

Semira Gonseth, Isabelle Jacot Sadowski, Jacques Cornuz, Empfehlungen eines Schweizer Expertenteams. Reduzierung der Risiken für Raucher,(Raccomandazioni di un team di esperti svizzeri. Riduzione dei rischi per fumatori) in: Bollettino dei medici svizzeri 2010; 41: 1621-1625 www.saez.ch.

rauchstopplinie